Un fine settimana all’insegna della scienza

Quasi tutto pronto per l’atteso appuntamento del fine settimana con “Donne fra le Stelle”, il simposio che punta i riflettori sulla figura della donna nelle scienze aerospaziali.

Come anticipato qui, dopo l’edizione ospitata dalla città di Fiumefreddo Bruzio lo scorso anno, stavolta è il turno di Amantea.

L’evento, patrocinato dal Comune di Amantea, dalla Provincia di Cosenza, dall’Università della Calabria e da AISE – Associazione Italiana di Systems Engineering, si terrà infatti presso il Campus Temesa “Francesco Tonnara”.

La soddisfazione del sindaco e degli organizzatori

Siamo particolarmente felici di poter ospitare nella nostra città un simposio di così alto valore scientifico e soprattutto divulgativo – spiega il sindaco Pellegrino, che a nome dell’intera amministrazione accoglie con soddisfazione e senso di ospitalità la manifestazione. 

Avremo la possibilità di apprendere dalla viva voce dei protagonisti della scienza aerospaziale elementi di una materia affascinante e in continua evoluzione. L’amministrazione comunale ha subito riconosciuto il patrocinio all’importante evento e messo a disposizione il più importante luogo di cultura che la città annovera, qual è il Campus Temesa “Francesco Tonnara” che è nostra intenzione restituire all’alta funzione a cui è deputato. Invito tutti gli amanteani e i cittadini degli altri comuni del territorio a condividere questa occasione per saperne di più su una scienza che appassiona tutti da sempre.

Parole di gratitudine sono state espresse da Dante Fortunato, ideatore del simposio. Quest’anno abbiamo deciso di portare Donne fra le Stelle ad Amantea. Desiderio che le istituzioni locali, a cominciare dal sindaco, Vincenzo Pellegrino, hanno accolto positivamente permettendoci di organizzare l’evento, che oltre a mettere al centro la figura della donna nell’ambito delle scienze aerospaziali, permette anche ai non addetti ai lavori di approfondire le proprie conoscenze nel campo dell’astronomia e della fisica, grazie agli interventi fatti non da un punto di vista prettamente tecnico, ma piuttosto da quello personale e professionale del proprio ambito di studi e di ricerca.

L’invito dunque è per tutta la cittadinanza, sabato 29 e domenica 30 ottobre, per conoscere meglio e scoprire le meraviglie che si nascondono tra le stelle, a partire da uno sguardo nuovo.

mariacg

Altri articoli interessanti per te...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *