Cultura, divertimento e tradizioni

Il fermento culturale di Amantea si manifesta attraverso alcuni dei suoi eventi caratteristici che in diversi momenti dell’anno colorano e riempiono di vita le vie della città, coinvolgendo attivamente i cittadini ma richiamando anche curiosi ed appassionati.

Carnevale

Quella del Carnevale è sicuramente tra le ricorrenze che maggiormente rende lustro alla città di Amantea e che attira ogni anno intorno al mese di febbraio numerosi visitatori dalle zone limitrofe e da tutta Italia. Una festa dal sapore antico e tradizionale, diventata ormai un vero e proprio evento, intorno al quale si concentrano idee, risorse e impegno di numerose realtà del territorio.

Alcuni documenti fanno risalire già al 1600 le prime manifestazioni legate alle maschere e agli scherzi. Una tradizione che si è conservata e arricchita nel tempo e anzi si è modellata alle diverse esigenze storiche per resistere ai cambiamenti: tra il Settecento e l’Ottocento la festa di piazza si è trasferita nei palazzi per volere dei nobili e dei borghesi del tempo, ma nel Novecento ha recuperato il suo sapore più popolare, nonostante una parentesi più sobria durante il ventennio fascista. 

Un’occasione di satira e rovesciamento dei ruoli, com’è nella tradizione originaria del carnevale, che ha visto impegnati scrittori e scenografi nella creazione delle parti: un vero e proprio patrimonio teatrale.

Nel tempo gli aspetti da commedia hanno lasciato spazio al talento artigiano e le sfilate di carnevale hanno assunto il ruolo di palcoscenico per dare sfoggio di bravura artistica delle abili lavorazioni di fabbri, falegnami, maestri cartapestai

Anticamente i carri e le maschere giravano per le vie della città a piedi o trainati da animali e ogni gruppo di quartiere lavorava per rendere più allegra e colorata la propria figura. Nei tempi più moderni i grandi carri sono mossi meccanicamente e alle imponenti sculture si sono aggiunte le coreografie e le composizioni dei gruppi musicali e delle scuole di ballo che accompagnano il lento avanzare dei carri durante le sfilate per le vie della città.

Settimana santa

Un altro evento, strettamente legato alle celebrazioni religiose, è quello della processione del Venerdì Santo. Non si conosce con precisione il momento di avvio di questa tradizione: alcuni documenti ne attribuiscono l’istituzione ai Frati Minori Osservanti, altri invece ai Gesuiti. Di certo, resta ancora ai giorni nostri un rito solenne ed accorato, tramandato e custodito dai membri della Confraternita della Beata Vergine del Rosario. Per le strade del paese vengono portate in processione le statue che simboleggiano gli episodi legati alla Passione di Cristo, accompagnate dai fedeli che intonano preghiere e canti religiosi di antica tradizione.

Concerto bandistico Mario Aloe Città di Amantea

Un elemento importante nella tradizione culturale della città di Amantea è rappresentato dalla Banda musicale, considerata una delle più antiche d’Italia. Costituita infatti nel 1850 per iniziativa dell’Amministrazione comunale, allora presieduta da Giovanni Di Lauro e Luigi Cavallo, ha nel tempo rinsaldato la sua fama e la capacità di raccogliere e motivare giovani talenti. Una passione instillata fin dal principio dal Maestro Achille Longo, primo Direttore, e rinnovata di volta in volta dai suoi successori, in particolare dal Maestro Mario Aloe, che la diresse dal 1927 e da cui il gruppo prende il nome. Una passione che ha contribuito a far conoscere la banda a livello nazionale e che ha portato anche alla nascita di altre formazioni bandistiche cittadine.

La Guarimba International Film Festival

Di più moderna tradizione è invece La Guarimba International Film Festival, un festival cinematografico che dal 2013 ha trovato casa ad Amantea per iniziativa di Giulio Vita e di tanti giovani cultori di cinema e arti visive. Un appuntamento che cresce di anno in anno, che si arricchisce di altri progetti collaterali, ma soprattutto convoglia in città artisti e appassionati da tutto il mondo. Un esempio di innovazione sociale e partecipazione, diventato ormai fiore all’occhiello della città di Amantea.